Dal 2015 è attivo un gruppo rivolto a genitori e familiari di pazienti con “dipendenze patologiche e in doppia diagnosi”, ospiti presso le strutture residenziali gestite dalla Cooperativa Sociale Gruppo Incontro, con sede a Pistoia (http://www.incontro.coop/. Questo gruppo nasce dalla collaborazione tra Gruppo Incontro, il Laboratorio di Gruppoanalisi e la C.O.I.R.A.G. http://www.coirag.org/ (il gruppo infatti accoglie tirocinanti che frequentano la scuola di specializzazione in psicoterapia psicoanalitica).

Gruppo Incontro è una Cooperativa sociale di tipo A, finalizzata alla gestione di servizi socio-sanitari ed educativi, che nasce nel novembre 2005, ereditando e proseguendo l’esperienza trentennale dell’Associazione Genitori Comunità Incontro (AGCI) di Pistoia.

La Cooperativa opera in regime di convenzione con l’Azienda Usl n°3 di Pistoia, territorialmente competente, che disciplina la gestione dei servizi riabilitativi residenziale e semiresidenziali rivolti al trattamento delle tossicodipendenze, anche associate a disturbo psichiatrico, ed è recepita da tutte le aziende Usl del territorio nazionale.

I pazienti ospiti presso le Comunità Terapeutiche, inviati anche dai Servizi Pubblici della Regione Lazio, presentano in particolare diverse tipologie di disturbo, come da DSM-5: Disturbo da uso di sostanze; Disturbo da uso di alcool; Disturbo da gioco d’azzardo; Disturbo del comportamento alimentare. I pazienti presentano una condizione che l’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce Doppia Diagnosi, ovvero la coesistenza nel medesimo individuo di un disturbo dovuto al consumo di sostanze psicoattive e di un altro disturbo psichiatrico.

Ai familiari di questi pazienti viene offerta la possibilità di partecipare ad un gruppo il cui principale obiettivo è quello di favorire una piena e proficua condivisione del progetto terapeutico, sviluppato insieme alla Cooperativa, ai servizi pubblici invianti e alle famiglie.

All’interno del contesto gruppale, sia la prossimità emotiva sia l’eterogeneità dei diversi percorsi di vita e clinici, si rivelano fattori terapeutici essenziali per una buona efficacia clinica.

I familiari si sentono attivi, partecipi e coinvolti nelle diverse fasi del processo di cura, in costante dialogo con le strutture residenziali, che accolgono i figli.

La partecipazione a gruppi di familiari promuove l’acquisizione di nuove e più adattive modalità di elaborazione emotiva della problematica presentata, e l’apprendimento di strategie di coping utili per affrontare il difficile rapporto con i farmaci, eventuali ricadute, e più generale le diverse fasi della storia di vita e clinica.

Altri obiettivi sono sempre condivisi in itinere, attraverso una maggiore conoscenza degli aspetti istituzionali, dei singoli nuclei familiari e dello spettro psicopatologico/dipendenze presentate in gruppo.

 

Il gruppo di genitori è co-condotto dalla dott.ssa Evelina Marallo (psicoterapeuta, responsabile accoglienza e valutazione Cooperativa Gruppo Incontro), dalla dott.ssa Maria Teresa Gargano (psicoterapeuta, gruppoanalista, dottore di ricerca in psicologia) dal dott. Salvatore Costantino (psicoterapeuta, gruppoanalista)

Il Gruppo ha cadenza quindicinale e ha sede in Via Circonvallazione Clodia, 76a, in Roma.

 

Per informazioni si possono chiamare i seguenti numeri di recapito telefonici:

Dott.ssa Evelina Marallo: 3479301864

Dott.ssa Maria Teresa Gargano: 3381573116

Dott.ssa Salvatore Costantino: 3939040439

Ultimi articoli

Disturbi alimentari e post lockdown: “Perché una rete di cura è indispensabile per trattare e prevenire le ricadute” „Disturbi alimentari e post lockdown: “Una rete di cura è indispensabile per trattare e prevenire le ricadute”

Disturbi alimentari e post lockdown: “Perché una rete di cura è indispensabile per trattare e prevenire le ricadute” „Disturbi alimentari e post lockdown: “Una rete di cura è indispensabile per trattare e prevenire le ricadute”

Intervista alla psicoterapeuta e gruppoanalista Raffaella Girelli che ci ha fornito un quadro esaustivo sulla condizione dei soggetti con DCA non solo nella parentesi dell’isolamento in piena pandemia, ma anche nel prosieguo di un tempo che rende ulteriori fattori...